Informazioni sulla regolamentazione

1. Importante

Prima di sottoscrivere un OICR o un prodotto, è necessario prendere conoscenza dei documenti normativi vigenti.

I prospetti, i KIID(documento contenente le informazioni chiave per l’investitore) e le relazioni annuali degli OICR autorizzati e/o disciplinati dall’AMF (Autorità francese dei mercati finanziari) e i prospetti e i KIID degli OICR autorizzati dalla Commissione lussemburghese di vigilanza del settore finanziario sono disponibili su questo sito.

Gli altri documenti normativi possono essere ottenuti facendone richiesta a Carmignac, 24, place Vendôme, 75001 Parigi, Francia.

L'investimento in strumenti finanziari può comportare un rischio e il valore di un’azione di SICAV o di una quota di FCI riflette il valore dei titoli e degli asset detenuti. Tale valore è pertanto soggetto alle variazioni dei mercati.

L’investitore può perdere tutto o parte del capitale investito. Gli OICR non sono a capitale garantito.

2. Indici di riferimento

  • Quotazioni di borsa: I dati relativi agli indici di riferimento sono forniti da terzi che ne sono gli esclusivi proprietari. Il corso utilizzato è quello di chiusura.

  • Fino al 31/12/2012, gli indici “azionari” degli indici di riferimento erano calcolati al netto dei dividendi. Dal 01/01/2013 sono calcolati includendo i dividendi netti reinvestiti e le performance sono presentate secondo il metodo del concatenamento.

3. Politica della “migliore selezione”

Tutti i fornitori di servizi di investimento sono tenuti ad agire al meglio per soddisfare gli interessi dei propri clienti nell’esecuzione degli ordini derivanti dalle decisioni di investimento relative ai portafogli.

A tal fine, in qualità di società di gestione e tenuto conto delle caratteristiche della sua attività, Carmignac ha in particolare l’obbligo di selezionare intermediari la cui politica di esecuzione permetta di assicurare il miglior risultato possibile in sede di esecuzione degli ordini trasmessi per conto dei clienti.

Carmignac rimane tuttavia responsabile della migliore esecuzione (Best Execution) in caso di gestione di operazioni effettuate direttamente sul mercato.

Conformemente alla normativa, Carmignac ha istituito una politica di esecuzione degli ordini che permette di ottenere il miglior risultato possibile per gli ordini dei suoi clienti. La politica di esecuzione degli ordini prevede in particolare che gli ordini siano registrati ed elaborati con celerità e precisione, tenendo conto delle condizioni del mercato.

Tale politica di esecuzione degli ordini si basa su:

– un processo normato di selezione degli intermediari finanziari e delle controparti;

– un processo di selezione delle sedi di esecuzione;

– un processo di analisi e di selezione dei report forniti dai fornitori di servizi nel quadro della Best Execution.

Carmignac si basa su un approccio multicriteriale per selezionare gli intermediari al fine di garantire la migliore esecuzione degli ordini di borsa.

I criteri adottati sono di natura quantitativa e qualitativa. Essi dipendono dai mercati sui quali gli intermediari offrono le prestazioni, sia in termini di area geografica (intermediari “globali“, paneuropei, locali) sia di strumenti finanziari trattati (intermediari specializzati sui mercati azionari, i tassi di interesse, i titoli convertibili, gli strumenti derivati).

Ciascun criterio di analisi è oggetto di una valutazione tramite un coefficiente di ponderazione che consente di attribuire uno score globale e quindi di elaborare una classifica di tutti gli intermediari analizzati, allo scopo di determinare l’elenco degli intermediari effettivamente selezionati.

I criteri di analisi riguardano principalmente la solidità finanziaria, la rapidità, la qualità della gestione e dell’esecuzione degli ordini, i costi di intermediazione e la disponibilità e proattività degli interlocutori.

Le griglie per il rating degli intermediari sono aggiornate annualmente. Pertanto, anche l’elenco degli intermediari selezionati è oggetto di una revisione annuale.

La sintesi della politica di selezione sopra illustrata è aggiornata a seguito dell’aggiornamento della politica, la quale può essere ottenuta nella sua versione completa facendone richiesta alla società di gestione.

4. Politica di gestione dei conflitti di interesse

Carmignac adotta tutte le misure volte a individuare le situazioni di conflitto di interesse che si dovessero presentare in sede di prestazione dei servizi di investimento, dei servizi connessi o della gestione di OICR.

Conformemente alla normativa vigente, Carmignac dispone di una politica di gestione dei conflitti di interesse. Tale politica è appropriata alla dimensione, organizzazione, natura, rilevanza e complessità dell’attività di Carmignac. Essa prevede procedure da seguire e misure da adottare per gestire le situazioni di conflitto di interesse con l’obiettivo di far prevalere l’interesse del cliente e di rispettare l’integrità dei mercati.

Tale politica può essere ottenuta facendone richiesta alla società di gestione.

Conformemente alle disposizioni normative, Carmignac tiene e aggiorna un registro contenente le eventuali situazioni per le quali si è prodotto un conflitto di interesse.

Se le disposizioni organizzative o amministrative adottate da Carmignac per gestire i conflitti di interesse non sono sufficienti per garantire con ragionevole certezza che sia evitato il rischio di arrecare danno agli investitori, la società informerà chiaramente gli investitori in merito alla natura generale e/o alla fonte di tali conflitti di interesse.

L’individuazione dei conflitti di interesse ha condotto all’elaborazione di una mappatura dei conflitti di interesse, ossia un elenco delle situazioni che danno luogo o potrebbero dare luogo a conflitti di interesse. Tale mappatura permette alla società di rilevare e se necessario gestire in maniera equa i conflitti di interesse che possono sorgere, nel quadro della realizzazione delle prestazioni, tra i propri interessi e quelli dei suoi clienti o tra gli interessi di più clienti.

Sono identificati e controllati i seguenti aspetti:

–la partecipazione di un dipendente a uno o più servizi di investimento offerti dalla società di gestione,

–la separazione delle attività che possono generare potenziali conflitti (a titolo di esempio, attività per conto proprio e per conto terzi),

–la circolazione delle informazioni riservate o privilegiate all’interno della società di gestione,

–mandati sociali esercitati dai dipendenti della società di gestione a titolo privato o nel quadro dell’attività professionale,

–commissioni corrisposte o percepite a fronte di servizi o attività esercitate da o in favore della società di gestione,

–modalità di remunerazione dei collaboratori nel quadro della distribuzione dei prodotti finanziari,

–vantaggi o omaggi eventualmente ricevuti dai dipendenti della società di gestione nel quadro dell’attività professionale,

–rischi di situazioni di conflitto di interesse nel quadro della procedura di selezione degli intermediari e dei fornitori di servizi,

–attuazione di una procedura di gestione degli incidenti atta a preservare il primato dell’interesse del cliente,

–attuazione della procedura per le transazioni personali

–attuazione della procedura per gli omaggi fatti e/o ricevuti dai clienti e fornitori.

5. Politica di voto

La politica di voto si applica a tutte le società del Gruppo “Carmignac”. I suoi effetti sono permanenti e si riferiscono alla totalità della gamma degli OICR gestiti da Carmignac. La politica di voto stabilisce i principi generali usualmente applicati dai gestori di portafoglio di Carmignac nel quadro dell’esercizio dei diritti di voto. Infine, la politica di voto precisa l’organizzazione interna della società volta a identificare e prevenire i potenziali conflitti di interesse nel quadro dell’esercizio dei diritti di voto.

a) Organizzazione di Carmignac in materia di esercizio dei diritti di voto

Da inizio 2015, Carmignac ha deciso di ricorrere a un fornitore esterno per il coordinamento del processo di voto. Tale fornitore è ISS Governance, leader del settore.

ISS Governance supporta Carmignac nella gestione amministrativa dei voti (partecipazione alle Assemblee dei soci, gestione automatizzata delle schede di voto) ma, soprattutto, mette a disposizione dei team di Carmignac la sua competenza per l’analisi delle delibere proposte al voto degli azionisti.

I team di gestione del portafoglio rimangono gli unici responsabili delle decisioni di voto emesse per conto dei portafogli effettivamente gestiti e le loro scelte sono coordinate a livello di gruppo in occasione dei comitati di gestione quotidiani oppure adottate individualmente dai gestori in conformità con i principi stabiliti nella presente politica.

Il dipartimento “Middle Office Actif” si occupa di raccogliere le decisioni di voto dei team di gestione e inserirle nei sistemi e di verificare il corretto trasferimento nel sistema di ISS Governance e da parte della banca depositaria. Il dipartimento opera quindi a supporto dei gestori e orienta operativamente la campagna di voto tramite:

  • Follow up degli alert,

  • Raccolta dei documenti necessari per l’esercizio di voto (procure…),

  • Inoltro delle analisi effettuate dal fornitore,

  • Consolidamento e istruttoria delle scelte di voto sulle delibere,

b) Principi della politica di voto

Con il ricorso a un fornitore esterno per il processo di voto, Carmignac intende trarre vantaggio dalla competenza di un leader del settore per l’analisi delle delibere proposte in sede di Assemblea dei Soci.

Consapevole delle problematiche economiche, sociali e ambientali che dovranno affrontare gli emittenti in futuro, Carmignac intende basarsi, nel quadro del processo di voto, sui principi delle politica “Sustainability” (“Sostenibilità”) definita da ISS Governance.

Inoltre, il team di gestione di Carmignac è responsabile dell’esercizio dei diritti di voto relativi ai titoli detenuti dagli OICR gestiti, nell’interesse dei detentori di quote o di azioni di OICR, in caso di rischi di modifica rilevante della strategia aziendale. Tali rischi possono manifestarsi nei seguenti modi:

  • rischio di cambiamento della maggioranza di controllo,

  • rischio di fusione-acquisizione,

  • rischio di cambiamento dei vertici aziendali,

  • rischio di ristrutturazione,

  • … ​

Poiché uno degli obiettivi principali di Carmignac consiste nel costruire un dialogo duraturo con il governo delle società, la società di gestione ha deciso di privilegiare la partecipazione alle Assemblee dei soci, nelle quali le posizioni consolidate rappresentano una cosiddetta posizione “rilevante”.

Infine, Carmignac deciderà di intervenire nel voto di società sulle quali i gestori / gli analisti hanno individuato un rischio significativo nella strategia di gestione che esse intendono attuare. I gestori di Carmignac hanno quindi la possibilità di partecipare al processo di voto di una società anche se la posizione in titoli dell’OICR gestito non è considerata “rilevante”.

c) La politica in dettaglio

La politica di voto di Carmignac persegue innanzitutto gli interessi dei detentori di quote degli OICR di cui il gruppo è responsabile, puntando allo sviluppo di un dialogo costruttivo e duraturo con il governo societario.

A tal fine, relativamente all’esercizio di voto delle società rientranti nel campo di applicazione della presente politica, i voti espressi da Carmignac si baseranno sui principi della politica “Sustainability” di ISS Governance e/o promuoveranno l’impegno del management delle società nelle seguenti aree:

  • instaurazione di un regime efficace di governance,

  • diritti e sviluppo del ruolo degli azionisti e dell’assetto proprietario,

  • trattamento equo degli azionisti,

  • trasparenza e diffusione delle informazioni,

  • responsabilità degli amministratori,

  • sviluppo di principi di remunerazione equi e coerenti con le prospettive economiche

  • della società (instaurazione del principio del “Say on Pay”).

d) Conflitti di interesse e libero esercizio dei diritti di voto

Il codice deontologico di Carmignac definisce, per tutti i dipendenti e in particolare per il team di gestione dei portafogli, i casi in cui potrebbe delinearsi una situazione di conflitto di interesse.

e) Esercizio dei diritti di voto

Scegliendo di ricorrere a un fornitore esterno come ISS Governance, Carmignac ha scelto di associarsi a un attore di riferimento nella gestione del voto elettronico. Carmignac privilegerà pertanto l’esercizio dei diritti di voto attraverso l’apposita piattaforma elettronica ISS Governance.

f) Reporting

Un report annuale di sintesi dell’esercizio di voto dell’anno precedente è disponibile sul sito.

6. Resoconto relativo alle spese di intermediazione per il 2017

Conformemente all’Articolo 321-119 del RGAMF (Regolamento Generale dell’Autorità francese dei mercati finanziari), allorché una società di gestione ricorre a Servizi di supporto alla decisione di investimento e di esecuzione degli ordini (SADIE) e se le spese di intermediazione hanno rappresentato per l’esercizio precedente un ammontare superiore a euro 500.000, deve essere elaborato un documento intitolato “Resoconto relativo alle spese di intermediazione”.

a) Condizioni di ricorso nel 2017 ai Servizi di supporto alla decisione di investimento e di esecuzione degli ordini (“SADIE”)

Nel 2017 Carmignac ha utilizzato i servizi di supporto alla decisione di investimento e di esecuzione degli ordini di fornitori esterni e finanziati nel quadro di accordi di condivisione delle commissioni.

b) Percentuale relativa al 2017 delle spese retrocesse a terzi nel quadro di accordi di condivisione delle commissioni

Le spese retrocesse a terzi nel quadro del regolamento sui Servizi di supporto alla decisione di investimento e di esecuzione degli ordini attraverso accordi di condivisione delle commissioni rappresentano il 13% delle spese di intermediazione corrisposte nel 2017 sulle azioni e i titoli di capitale.

c) Chiave di ripartizione delle spese di intermediazione tra l' escuzione degli ordini e il supporto alla decisione di investiment

Spese di intermediazione relative al servizio di ricevimento e trasmissione e al servizio di esecuzione degli ordini: 43%

Spese di intermediazione relative ai servizi di supporto alla decisione di investimento e di esecuzione degli ordini: 57%

La ripartizione si applica alle azioni negoziate e detenute attraverso OICR.

Per le altre asset class (strumenti sui tassi, di cambio e strumenti derivati) le spese di intermediazione relative al servizio di ricevimento e trasmissione e al servizio di esecuzione degli ordini hanno rappresentato il 100% delle provvigioni versate.

d) Misure realizzate per prevenire o gestire gli eventuali conflitti di interesse in sede di scelta dei fornitori

La scelta dei fornitori e la relativa valutazione è opportunamente disciplinata nella Procedura di Selezione degli Intermediari e nella Politica sui conflitti di interesse.

7. Gestione dei reclami della clientela

Carmignac ha istituito e adottato una procedura operativa per una tempestiva ed efficace gestione dei reclami presentati dalla clientela. I reclami possono essere inoltrati all’attenzione dell’ufficio Compliance all’indirizzo mail complaints@carmignac.com, oppure mediante lettera inviata a CARMIGNAC GESTION, 24 place Vendôme Paris, Francia, per gli investitori francesi, e a Carmignac Gestion Luxembourg, City Link, 7, rue de la Chapelle – L-1325 Lussemburgo, per tutti gli altri investitori. La società di gestione dovrà confermare il ricevimento del reclamo entro e non oltre dieci giorni lavorativi a decorrere dal ricevimento del reclamo, salvo nel caso in cui in tale lasso di tempo non venga fornita la risposta al cliente. Fatte salve circostanze particolari opportunamente giustificate, la società fornirà una risposta al cliente entro due mesi dal ricevimento del reclamo.

Per la Francia: In caso di disaccordo persistente, il cliente potrà rivolgersi a un mediatore, per esempio il mediatore dell’AMF (Autorità dei mercati finanziari). Il recapito del mediatore dell’AMF è il seguente: Autorité des marchés financiers, Médiateur de l'AMF, 17 Place de la Bourse 75082 PARIS CEDEX 02. Il modulo di richiesta di mediazione dell’AMF e la carta di mediazione (Charte de la Médiation) sono disponibili sul sito http://www.amf-france.org.

Per il Lussemburgo: In caso di disaccordo o di mancata conferma di ricevimento del reclamo / mancata risposta entro un mese dall’invio del reclamo, il cliente potrà contattare l’autorità competente:

  • Tramite lettera inviata alla Commission de Surveillance du Secteur Financier, L-2991 Luxembourg;

  • Tramite posta elettronica al seguente indirizzo: direction@cssf.lu. Il modulo di richiesta di risoluzione della CSSF e i testi applicabili sono disponibili sul sito http://www.cssf.lu.

8. Informativa Solvency II

Conformemente agli obblighi normativi di cui alla posizione n. 2004-07 dell’Autorità dei mercati finanziari (AMF), informiamo che per rispondere alle esigenze degli investitori professionali soggetti agli obblighi derivanti dalla Direttiva 2009/138/CE, Solvency II, Carmignac potrà comunicare entro un termine non inferiore a 48 ore dall’ultima pubblicazione del NAV la composizione del portafoglio dei suoi Fondi. Le informazioni trasmesse in tale ambito sono strettamente riservate e dovranno essere utilizzate unicamente ai fini del calcolo dei requisiti prudenziali e non potranno in nessun caso comportare pratiche vietate quali il “market timing” o il “late trading” da parte dei detentori di quote a cui sono rivolte tali informazioni.

9. Elenco dei subdepositari

11. Modern Slavery Statement

Carmignac Gestion Luxembourg S.A. (“the Firm”) is incorporated under the laws of the Grand Duchy of Luxembourg and maintains a branch in the UK. The Firm is part of Carmignac Group, one of Europe’s leading asset managers with over 27 years of experience in asset management. The Firm is authorised by the Commission de Surveillance du Secteur Financier and its UK Branch is supervised by the Financial Conduct Authority.

The Firm has zero tolerance to modern slavery and human trafficking, and is committed to ensuring that its supply chain adopts the same approach. Due to the nature of its activities, the Firm believes that the risk of involvement with modern slavery and human trafficking is limited. Nonetheless, the Firm is in the process of individually reviewing its supply chain to ensure that there is no negative information in connection therewith. Furthermore, the Firm is developing policies and procedures incorporating the review of suppliers prior to entering into a relationship, as well as incorporating relevant provisions in agreements with suppliers to ensure that the latter also meet the requirements of the Modern Slavery Act. Also, employees go through a careful hiring process and are subject to local employment laws.

The relevant employees will be trained on the subject on a periodic basis.

The Management of the Firm has approved this statement.

12. Modulo di disclosure Research Payment Account

Cliccare qui per accedere al modulo di disclosure Research Payment Account

13. Market Sounding

Per qualsiasi richiesta relativa al market sounding, si prega di inviare una mail a marketsounding@carmignac.com. Sarete contattati tempestivamente dal Dipartimento Compliance e Internal Controls per l’espletamento delle ulteriori fasi. Si prega di non contattare direttamente gli uffici Carmignac e di attendere la risposta del Dipartimento Compliance e Internal Controls.

CARMIGNAC GESTION

Società di gestione del risparmio (Autorizzazione AMF n° GP 97-08 del 13/03/1997)

S.A. con capitale di 15 000 000 € - R.C. di Parigi B 349 501 67

Sede: 24, place Vendôme, 75001 Paris

Presidente del Consiglio di amministrazione: Edouard CARMIGNAC

Direttore della pubblicazione: Christophe PERONIN

Carmignac Gestion Luxembourg

City Link, 7, rue de la Chapelle – L-1325 Lussemburgo

Tel : (+352) 46 70 60 1 – Fax : (+352) 46 70 60 30

Società di gestione di OICVM (Autorizzazione CSSF del 10/06/2013)

Filiale di Carmignac Gestion S.A. con capitale di 23 000 000 € – R.C. di Lussemburgo B67549