Flash Note

Focus 3: Il valore dell’industria manifatturiera messicana Approfondimento: economie emergenti

04.01.2017

Nel 2014 il mercato immobiliare messicano rappresentava il 12% del PIL del paese.

Il Messico è un’economia sottoindebitata che promette un miglioramento potenziale del settore delle esportazioni manifatturiere grazie alla competitività dei costi, anche rispetto alla Cina, e alla vicinanza con gli Stati Uniti. Il mandato del Presidente Peña Nieto, volto ad accrescere gli investimenti, dovrebbe anche sostenere l’industrializzazione del paese nel lungo termine, con ripercussioni positive sul settore immobiliare.

Nel 2014, il mercato immobiliare messicano rappresentava il 12% del PIL del paese; il suo fatturato dovrebbe raggiungere USD 141,9 miliardi nel 2018 rispetto a 110 miliardi nel 2012, pari a un aumento del 30%((1).

Le società immobiliari messicane operanti nel settore industriale, le cosiddette “Fibras”, traggono vantaggio dall’elevata competititvità del settore manifatturiero, il principale volano della crescita economica. I canoni di locazione sono spesso denominati in USD (circa il 75% - 95%) e quelli industriali sono ancora ridotti rispetto agli altri paesi dell’America Latina, indice dell’esistenza di un ulteriore margine di manovra per una futura espansione del settore.

Graphique-Focus3-nouveau-IT.png

Fonte
Sinista: Carmignac, INEGI, Morgan Stanley Research, 30/06/2015
Destra: Carmignac, Bloomberg, ILO, BLS, SHCP, Morgan Stanley Research, International Monetary Fund, giugno 2016

Le nostre scelte

  • Fibra Macquarie

    Fibra Macquarie è una società specializzata nella locazione e gestione di proprietà immobiliari industriali in Messico. La società detiene uno dei maggiori portafogli di proprietà industriali del paese con 274 proprietà industriali e 17 commerciali. È inoltre fortemente esposta al settore automobilistico messicano, in forte espansione, ma anche a quello statunitense. La società presenta un interessante dividend yield dell’8.3% per il 2016, che dovrebbe attestarsi all’8.9% nel 2018. Poiché la maggior parte dei canoni di locazione è espressa in USD, questo dato corrisponde pressoché a un dividend yield in USD >8%.Carmignac Portfolio Emergents ha acquisito una quota nella società alla fine del 2013, che possiede tuttora.

    Carousel_1.png
  • Fibra Terrafina

    Nel settembre 2013,Carmignac Portfolio Emerging Discovery ha acquisito Fibra Terrafina. La società gestisce oltre 200 strutture industriali, che rappresentano circa il 5% del mercato immobiliare industriale messicano.

    Fibra Terrafina detiene asset di elevata qualità e relativamente nuovi, principalmente nel settore manifatturiero, con contratti di locazione di lungo termine e tassi di rinnovo elevati (vicini al 91%). Il management è molto esperto e vanta un track record di acquisizioni accrescitive.

    Terrafina presenta metriche finanziarie estremamente interessanti, con un dividend yield sempre elevato (stimato al 6.6% per il 2016 e al 7.8% per il 2017). Inoltre la società è favorita dal deprezzamento del peso messicano poiché il 97% dei suoi contratti di locazione è denominato in USD.

    Carousel_2.png
Medaillon_em